Trilogia del mistero e del terrore al teatro

Liberamente ispirato ai “Racconti del mistero e del terrore” di Edgar Allan Poe

L’illusione scientista di poter ipnotizzare la morte. L’ossessione di un occhio maligno da chiudere per sempre e di un cuore che non la vuol sapere di smettere di battere. L’allucinazione della sicurezza e la peste che guasta la festa.

Il Babau & i maledetti cretini tributa il suo omaggio ad Edgar Allan Poe, rileggendo al lume fioco del rock regressivo alcune tra le più oscure pagine dei Racconti del Mistero e del Terrore. La verità sul caso di Mr. Valdemar, Il cuore rivelatore, La maschera della Morte Rossa. Tre racconti in cui il mistero getta la maschera e rivela il volto del terrore. Tre episodi per un tragico fonodramma.

Un concerto-spettacolo nel quale la lettura dei brani di Poe è inestricabilmente intrecciata al raffinato tessuto musicale e sonoro del
gruppo, un lirico e delirante impasto di progressive rock e sperimentazione, rumorismo minimalista e folk, elettroacustica e psichedelia.

Il risultato è un viaggio nevrastenico e carico di suspence in cui lo spettatore è trasportato senza soluzione di continuità attraverso paesaggi sonori molto vari e sempre suggestivi sino all’ineludibile epilogo finale.

  • Domenica 2 maggio 2010 ore 18.00
  • Villa Arconati, Sala Rossa
  • via della Fametta 1, Castellazzo, Bollate
  • Posto unico 5€ + 1€ che sarà devoluto ai lavori di restauro della Villa
  • prenotazione consigliata
  • informazioni e prenotazioni: 02.39545329/30 – 320.6307029 – info@nudoecrudoteatro.org

Il Babau & i maledetti cretini è un progetto artistico situato all’incrocio tra musica, teatro e letteratura. Attualmente è composto da fratelli Casanova (Damiano alla chitarra ed alla composizione musicale, Franz alla voce ed alla cura dei testi) e dal batterista e percussionista Andrea Dicò.

Nato intorno al 2000 nell’hinterland milanese come quartetto rock, dopo un disco e alcuni cambi di formazione ha lasciato da parte la forma canzone reinventando il “fonodramma”, originale forma di narrazione per musica e parole. Con questa formula ha già affrontato i testi di Dino Buzzati (Chi sta scavando?, 2006) ed ora si cimenta con l’opera del maestro del brivido, E.A. Poe.

Informazioni su Daniele Imperi 662 Articoli
Scrivo testi per il web e correggo bozze di manoscritti. Scrivo anche sul mio blog «Penna blu» e sull’aerosito ufficiale di F.T. Marinetti.

2 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*