Dal cinema al teatro, dalla narrativa ai fumetti, dalla Tv alla musica

Poe è apparso centinaia di volte bella cultura popolare. Strano, forse, per un autore che non ha pubblicato così tanto nella sua vita, che ha lavorato più come critico letterario (spietato, anche) e che ha prodotto una sessantina di racconti e un solo romanzo.

Eppure ha avuto una forte influenza sulla letteratura americana. In un discorso del 1909 presso l’Author’s Club di Londra Arthur Conan Doyle osservò che “le sue storie furono uno dei grandi punti di riferimento e di partenza nella letteratura del secolo scorso. . . ognuna è una radice da cui si è sviluppata un’intera letteratura. . . Dov’era la storia poliziesca fino a quando Poe non le diede vita?”.

Edgar Allan Poe nella cultura popolare

Poe compare quasi ovunque nella cultura popolare: da un francobollo commemorativo emesso dall’ufficio postale degli Stati Uniti a un confuso John Wayne che ascolta Robert Mitchum recitare i versi di “Eldorado” nell’omonimo western.

Il volto di Poe appare in mezzo alla folla sulla copertina dell’album Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band dei Beatles. I Simpsons ha fatto diverse allusioni a Poe, tra cui un’ammirevole drammatizzazione nel cartone animato“The Raven”.

Perfino lo sport ha omaggiato Poe: Scott Levy è un wrestler professionale che ha scelto il nome Raven sul ring; così come una squadra della National Football League si chiama Baltimore Ravens.

Narrativa

In narrativa Poe ha ispirato molti autori in passato, come Algernon Blackwood, Arthur Machen, H.P. Lovecraft, Ambrose Bierce, Arthur Conan Doyle e Clark Ashton Smith, ma anche moderni, come Stephen King. Inoltre Poe è apparso come personaggio di alcuni romanzi, tra cui Abraham Lincoln: Vampire Hunter di Seth Grahame-Smith, Nevermore di Harold Schechter , L’ombra di Edgar di Matthew Pearl, ecc.

Fumetti

Nei fumetti Edgar Allan Poe è comparso centinaia di volte, sia in riviste come «Crazy Magazine», «MAD», «Classics Illustrated», «Cracked», ecc., sia in fumetti come Atom, Zagor, Superman, Batman, Scooby-Doo, Fantomen, sia in volumi dedicati come Edgar Allan Poe’s Snifter of Terror, The Imaginary Voyages of Edgar Allan Poe, In the Shadow of Edgar Allan Poe, Poe & Phillips.

Cinema

Per il cinema non possiamo non fare riferimento ai film a basso costo di Roger Corman, interpretati da Vincent Price. Anche l’Italia ha dato il suo contributo: Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave è un film di Sergio Martino tratto da “Il gatto nero”. Ma il primo film è senz’altro The Avenging Conscience (D.W. Griffith, 1914), film muto ispirato a “Il cuore rivelatore” e la poesia “Annabel Lee”.

Televisione

In televisione Poe conta decine di citazioni e apparizioni. Nel 1995 la serie TV Tales of Mystery & Imagination adattò 11 racconti in 12 episodi. Fra i cartoni ricordiamo “Goth Kids 3: Dawn of the Posers” di South Park, in cui si evoca il fantasma di Edgar Allan Poe, e l’episodio “Treehouse of Horror” dei Simpsons in cui James Earl Jones legge “Il corvo”, con Homer come narratore.

Teatro

Purtroppo Poe è apparso tardi nei teatri: il palcoscenico ha dovuto attendere oltre 130 anni dalla morte di Poe per veder rappresentate le sue opere. Fu l’attore Norman George a introdurre agli inizi degli anni ’80 una serie di spettacoli teatrali dedicati a Poe. Da allora le opere di Poe hanno iniziato a comparire anche al teatro. Perfino in Italia ci sono stati diversi spettacoli teatrali dedicati a poesie e racconti di Poe.

Musica

Si contano molti adattamenti musicali delle opere di Poe. Claude Debussy, compositore francese, scrisse opere basate su “La caduta della casa degli Usher” e “Il diavolo nel campanile” (Le diable dans le beffroi). Nel 1969 uscì Poe Through The Glass Prism un concept album dei Glass Prism, gruppo rock psichedelico. Da ricordare anche il gruppo di rock progressivo The Alan Parsons Project che nel 1976 pubblicò Tales of Mystery and Imagination.

Fonti

  • «Literary Hub», “A Brief and Incomplete Survey of Edgar Allan Poes in Pop Culture” di Emily Temple
  • «Cambridge University Press», “Poe and popular culture” di Mark Neimeyer
  • «Author Study- Edgar Allan Poe», “Poe in Television”
  • «Taste of Cinema», “The 10 Best Horror Movies Based on The Works of Edgar Allan Poe” di Matthew Benbenek
  • «The Halloween Inn», “Edgar Allan Poe in Music”