20 aprile 1841

In Storia e genesi delle opere di Poe

La pubblicazione del racconto “The Murders in the Rue Morgue”

The Murders in the Rue Morgue

178 anni fa, il 20 aprile 1841, Poe pubblicava il racconto “I delitti della via Morgue” sul «Graham’s Magazine». Nasceva così negli Stati Uniti il genere poliziesco.

“The Murders in the Rue Morgue” è la storia di un doppio omicidio che da subito si rivela impossibile da risolvere. Il protagonista del racconto è l’investigatore C. Auguste Dupin, che comparirà di nuovo in altri due racconti di Poe (“La lettera rubata” e “Il mistero di Marie Roget”).

Poe lo considerava il migliore dei suoi racconti di raziocinio, chiamati così perché caratterizzati da un ragionamento logico e deduttivo.

Scriveva così Poe al suo amico, il Dr. Joseph Snodgrass, riferendosi al suo racconto:

Il suo tema è l’esercizio dell’ingegno nello scoprire l’assassino.

Dupin ha ispirato un personaggio che diventò altrettanto, se non più, famoso: Sherlock Holmes di Arthur Conan Doyle. Così scrisse Doyle:

Ognuna [delle storie poliziesche di Poe] è una radice da cui si è sviluppata l’intera letteratura. Dov’era il poliziesco finché Poe non gli ha dato il soffio della vita?

E infatti con la pubblicazione del racconto “The Murders in the Rue Morgue” il genere poliziesco entra nella cultura popolare.

Incipit del racconto “The Murders in the Rue Morgue”

It is not improbable that a few farther steps in phrenological science will lead to a belief in the existence, if not to the actual discovery and location of an organ of analysis. If this power (which may be described, although not defined, as the capacity for resolving thought into its elements) be not, in fact, an essential portion of what late philosophers term ideality, then there are indeed many good reasons for supposing it a primitive faculty. That it may be a constituent of ideality is here suggested in opposition to the vulgar dictum (founded[[,]] however[[,]] upon the assumptions of grave authority), that the calculating and discriminating powers (causality and comparison) are at variance with the imaginative — that the three, in short, can hardly coexist. But, although thus opposed to received opinion, the idea will not appear ill-founded when we observe that the processes of invention or creation are strictly akin with the processes of resolution — the former being nearly, if not absolutely, the latter conversed.

Pubblicato sabato, 20 Aprile 2019, 13:22

Leggi anche i seguenti articoli:

Laboratorio di lettura ad alta voce dei racconti di Edgar Allan Poe

Laboratorio di lettura ad alta voce dei racconti di Edgar Allan Poe

Del terrore e dello splendore: letture con l’attrice Anna Amadori Un percorso formativo di lettura dedicato ai racconti di

Continua a leggere
170° anniversario della morte di Poe

170° anniversario della morte di Poe

Le ultime parole di Edgar Allan Poe Edgar Allan Poe muore nella città di Baltimora la domenica del 7

Continua a leggere
Le origini di Edgar Allan Poe

Le origini di Edgar Allan Poe

Origini del cognome Poe e discendenza Il cognome Poe fu trovato per la prima volta nel Devon, in una

Continua a leggere

Lascia un commento:

La tua email non sarà pubblicata.

Mobile Sliding Menu