La stella della sera

Evening Star (1827)

L’estate era al suo culmine,
e la notte al suo apice;
e le stelle, nelle loro orbite,
brillavano pallide, attraverso la luce
della più radiosa e fredda luna,
fra i pianeti suoi schiavi,
lei alta nei cieli,
col suo raggio sull’onde.
Per poco ancora fissai
il suo sorriso glaciale;
gelido oltremisura- troppo gelido per me-
Alché passò, come un sudario,
una nuvola lanuginosa,
ed io mi rivolsi a te,
orgogliosa stella della sera,
e avendo più caro il tuo bagliore,
nella tua antica gloria;
dacché di gioia batte il mio cuore
per il lato che riveli in cielo di notte,
e vieppiù ammiro
il tuo fulgore distante,
che non quella più fredda, temperata luce.

Traduzione di Livia Bidoli.

Informazioni su Livia Bidoli 3 Articoli
Mi sono laureata nel 2000 in Letteratura anglo-americana con “L’imagery del ‘maniero’ in Edgar Allan Poe”. Sono Direttore della rivista online Gothic Network, che pubblica recensioni di film, musica, arte, teatro, libri.

2 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*