La lapide perduta di Edgar Allan Poe

In Curiosità su Edgar Allan Poe

Disegno della lapide di Poe

Questo disegno a matita di Charles H. Dimmock è tutto ciò che resta della lapide di Poe che il cugino Neilson ordinò da Hugh Sisson nel 1860. Il resoconto di Hugh Sisson della distruzione della lapide recita così: “Questa lapide fu terminata e posta nel mio cantiere. Doveva essere eretta nel cimitero la settimana seguente e così avrebbe dovuto essere, ma per un incidente davvero incredibile avvenuto il venerdì o il sabato precedente ciò non accadde. Il mio cantiere confina coi binari della Northern Central Railroad. Un treno merci deragliò, ruppe la recinzione e fece danni più o meno gravi ad altri lavori; ma l’unico danno irreparabile fu fatto alla lapide di Poe. Fu fatta a pezzi, a prova di restauro” (citato da Timothy Dimmock, ristampato in Pouder, “Poe of Baltimore,” Baltimore Magazine, September 1949, p. 20).

La lapide in marmo bianco italiano, alta 3 piedi, aveva inciso questo epitaffio: “Hic Tandem Felicis Conduntur Reliquae. Edgar Allan Poe, Obiit Oct. VII 1849.” Il lato posteriore della pietra riportava “Jam parce sepulto”.

Poiché la lapide non è stata ancora piazzata sulla tomba di Poe, lo scenario del disegno è fantasioso. In nessun modo indica l’ubicazione del punto di sepoltura di Poe.

Pubblicato venerdì, 9 Ottobre 2009, 09:19

Leggi anche i seguenti articoli:

Libri di Poe da migliaia di dollari

Libri di Poe da migliaia di dollari

Quanto costa una prima edizione di un libro di Poe? Chi non ne vorrebbe una nella propria libreria? Libri

Continua a leggere
“Tales of Mystery and Imagination”

“Tales of Mystery and Imagination”

È il 1° maggio 1976 quando esce il primo album del gruppo rock inglese The Alan Parsons Project con

Continua a leggere
Poe Museum di Richmond

Come nacque il Poe Museum di Richmond

Nel 1906 il collezionista e ricercatore James Howard Whitty si incontrò con un gruppo di appassionati letterati nella città

Continua a leggere

Lascia un commento:

La tua email non sarà pubblicata.

Mobile Sliding Menu