Hans Pfaall, l’allunaggio secondo Edgar Allan Poe

Determinai di andar via, ma di vivere; di abbandonare il mondo, ma di continuare ad esistere; insomma, senz’altri misteri, mi risolvetti, qualunque cosa volesse accadere, di aprirmi, potendo, una via alla luna.

Pubblicato per la prima volta sul «Southern Literary Messenger» nel giugno 1835 con il titolo “Hans Phaall — A Tale”, il racconto subì nel titolo (e nel nome del protagonista) diverse modifiche:

  • “Hans Phaall”, 1840, Tales of the Grotesque and Arabesque
  • “The Unparalleled Adventure of One Hans Pfaall”, 1850, Works, Mabbott/Pollin
  • “Lunar Discoveries, Extraordinary Aerial Voyage of Baron Hans Phall”, pubblicazione in 4 parti per New York Transcript, 2-5 settembre 1835
  • “The Adventures of One Hans Pfaall”, 1867, Prose Tales of Edgar Allan Poe

Il viaggio sulla Luna di Hans Pfaal

Che modo escogitò Poe per far arrivare quel certo Hans Pfaal sulla Luna? Ce lo dice il narratore:

Appariva, sì! era senza dubbio una specie di pallone; ma di certo un pallone tale che prima d’allora non era mai stato veduto in Rotterdam. Perché, lasciatemelo domandare, chi ha mai udito di un pallone fabbricato intieramente di giornali sudici?

Un pallone, quindi una sorta di mongolfiera, fatta di carta addirittura, su cui è assicurata, tramite delle corde, una navicella, ossia una cesta di vimini. Un mezzo… rudimentale per un viaggio sulla Luna.

Il pallone era gonfiato da 5 piccole botti di gas. Poe non svela il nome del gas, ma si limita a dire che è un componente dell’azoto e che era incredibilmente raro.

La durata del viaggio di Hans Pfaal verso la Luna

Sebbene il diario del viaggio inizi il 3 aprile, è dal giorno prima che Pfaal s’è messo in viaggio, alzandosi col suo pallone verso l’atmosfera. La fine viaggio avviene il 17 aprile, quindi con un pallone gonfiato a gas è giunto sulla Lune in due settimane.

La missione Apollo 11 – con l’equipaggio formato da Neil Armstrong (Comandante), Michael Collins (Pilota del modulo di comando) e Buzz Aldrin (Pilota del modulo lunare) –, che quest’anno festeggia il 50° anniversario, è iniziata con il lancio del Saturn, il 16 luglio 1969 alle ore 13:32:00 UTC, e l’allunaggio è avvenuto il 20 luglio 1969 alle 20:17:40 UTC.

5 opere storiche sugli allunaggi

  1. La storia vera: scritta da Luciano di Samosata nel II secolo (titolo originale: Ἀληθῆ διηγήματα). Un viaggio fantastico di un gruppo di persone che, al comando dell’autore, attraversa le Colonne d’Ercole e giunge infine sulla Luna. È il racconto più antico di un viaggio verso la Luna.
  2. Somnium: opera di Ludwig Keplero, pubblicata postuma nel 1634. È un trattato astronomico, ma vi si descrive anche un viaggio dalla Terra alla Luna.
  3. A Voyage to the Moon: di George Tucker, pubblicato nel 1827. Titolo completo: A Voyage to the Moon: With Some Account of the Manners and Customs, Science and Philosophy, of the People of Morosofia, and Other Lunarians.
  4. L’incomparabile avventura di un certo Hans Pfaall”: racconto di Poe (titolo originale “The Unparalleled Adventure of One Hans Pfaall”), pubblicato nel 1835.
  5. Dalla Terra alla Luna: romanzo di Jules Verne, pubblicato nel 1865. Titolo originale: De la Terre à la Lune, trajet direct en 97 heures 20 minutes.

Edgar Allan Poe fu uno dei primi autori a scrivere di un viaggio sulla Luna.

Informazioni su Daniele Imperi 612 Articoli
Sono un blogger e un appassionato di libri e letteratura. Edgar Allan Poe è stato il primo autore che ho amato e da allora ho iniziato a leggere la sua opera omnia. Il sito che ho creato nel 2007 è un omaggio a questo indimenticabile autore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*