Fondatore della rivista telematica su Edgar Allan Poe

Daniele ImperiSono un blogger e scrivo articoli per blog aziendali e di liberi professionisti e testi per siti web. Ho iniziato la mia avventura su internet nel 2000, quando ho creato il mio primo sito, e da allora non ho smesso di creare contenuti nel web.

Fin da ragazzino ho avuto la passione per il giornalismo, così un giorno creai 2 riviste usando quello che avevo a disposizione: ritagli di giornale, fogli di quaderno, colla e la macchina da scrivere svedese di mia madre, la Halda modello Cicero.

Come è nata la tua passione per Poe?

Una raccolta di racconti di Poe è stato l’8° libro che ho letto in vita mia, quando ero ragazzo: ma il suo nome mi era noto da molto prima, anche se non ricordo come. Sapevo che aveva scritto storie horror, un genere narrativo che mi ha sempre appassionato, e ero curioso di leggerle.

Era una raccolta pubblicata in edicola da Fabbri Editori negli anni ’60, “I grandi della letteratura”. Là ho potuto apprezzare i racconti più famosi, e forse più belli, di Poe: “Berenice”, “Il pozzo e il pendolo”, “Una discesa nel maelström”, “Il barile di Amontillado”, “La caduta della casa degli Usher”, “William Wilson”, “Il ritratto ovale” e altri.

La nascita di un sito su Poe

Nel 2007 ho voluto unire la mia passione per il blogging con quella per Edgar Allan Poe, dando vita a un blog inizialmente acerbo: edgarallanpoe.it. Nel corso degli anni sono entrati dei collaboratori, che hanno contribuito con materiale e articoli originali.

Nel 2017 ho selezionato una serie di argomenti da trattare nel sito, per approfondire il mondo che ruota attorno a Poe. Due anni anni dopo ho modificato alcune sezioni del sito, per migliorare la categorizzazione dei contenuti.

Infine, a inizio 2020, il sito è diventato una rivista telematica aperiodica.

Perché si continua ancora a leggere Poe?

Ogni volta che si legge un racconto di Poe, c’è sempre qualche elemento nuovo che appare. Poe è stato un vero pioniere letterario, un autore con una vasta cultura e un’elevata capacità nel sondare l’animo umano.

Le sue storie dell’orrore non possono essere lette come semplici racconti popolari, perché rappresentano un orrore interiore, psicologico, che difficilmente può essere compreso a una prima lettura.

Ma soprattutto si continua ancora a leggere Poe perché, a distanza di oltre 2 secoli dalla sua nascita, non ha perso neanche minimamente il suo fascino. Il fascino di un autore versatile, scomparso prematuramente e in circostanze mai chiarite.

3 opere di Poe che ti sono rimaste impresse

È riduttivo scegliere soltanto 3 opere fra i tanti racconti e poesie, il romanzo, gli articoli e i saggi che ha scritto Poe. Ne scelgo dunque 3 fra una rosa di 11 che ancora ricordo e che lessi da ragazzo. Sono storie che mi hanno lasciato sensazioni uniche e ancora vivide dopo tanti anni:

  1. “Berenice”: perché l’orrore si svela soltanto alla fine, con una maestria che lascia senza fiato.
  2. “Gli occhiali”: perché lascia interdetti. Una storia incredibile, eppure resa realistica da Poe.
  3. “I delitti della Rue Morgue”: perché è un gioiello della letteratura poliziesca, impossibile da emulare.

Articoli scritti da Daniele Imperi

“Il mio Poe” di Mario Carli

“Il mio Poe” di Mario Carli

Questo testo di Mario Carli (30 dicembre 1888 - 9 settembre 1935) fu inizialmente pubblicato sul numero 9 della rivista ...
/ Curiosità su Poe
Il mistero di Maria Rogêt

Il mistero di Maria Rogêt

Anche di questo racconto non sopravvive alcun manoscritto. Poe scrisse “Il mistero di Maria Rogêt” nella prima metà del 1842 ...
/ Racconti
Torna la lettura dei racconti di Poe al teatro

Torna la lettura dei racconti di Poe al teatro

La lettura al teatro di alcuni fra i più famosi racconti di Edgar Allan Poe ha debuttato lo scorso anno ...
/ Teatro ispirato a Poe
I genitori “adottivi” di Edgar Allan Poe

I genitori “adottivi” di Edgar Allan Poe

Prima di addentrarci nelle biografie dei coniugi Allan, occorre precisare che Edgar Poe non fu mai adottato formalmente (legalmente) da ...
/ Biografia
L’angelo del bizzarro

L’angelo del bizzarro

Non sappiamo di preciso quando Poe scrisse “The Angel of the Odd – An Extravaganza”, ma probabilmente nell’estate del 1844 ...
/ Racconti
Corman/Poe di Chris Alexander

Corman/Poe di Chris Alexander

La casa editrice Headpress ha pubblicato un volume fotografico sui film che il registra Roger Corman realizzò fra il 1960 ...
/ Libri, Roger Corman
L’oscuro dagherrotipo di Poe

L’oscuro dagherrotipo di Poe

In una lettera dell’11 febbraio 1874 a John Henry Ingram (16 novembre 1842 – 12 febbraio 1916), biografo di Poe, ...
/ Foto e ritratti di Poe
Saltaranocchio

Saltaranocchio

Con il titolo “Saltaranocchio” viene pubblicato il racconto di Poe “Hop-Frog”1 sul volume Racconti curiosi e grotteschi del 1924. Il ...
/ Racconti
Chi scrisse la poesia “Il corvo”?

Chi scrisse la poesia “Il corvo”?

A scrivere la celebre poesia “Il corvo” (The Raven), apparsa il 29 gennaio 1845 sulla rivista «The Evening Mirror», fu ...
/ Curiosità su Poe, Il corvo