La morte e la musicalità del verso di Giuseppina Brandonisio

La morte e la musicalità del versoEdgar Allan Poe (1809-1849), lo scrittore bostoniano noto per essere stato l’inventore del thriller psicologico e della detective story, nella sua varia e complessa produzione di scritti ha affrontato temi difficili o ritenuti inammissibili data la loro durezza: gli aspetti più oscuri e raccapriccianti della dimensione umana, il tema della morte, della follia, della superstizione quasi sempre venivano rimossi, tanto dalla ragione quanto dalla mentalità del tempo, tuttavia essi si ponevano al centro della scena letteraria americana sublimandosi in forme apprezzate dal gusto dei lettori. Ma se il romanzo gotico trovava una larga diffusione negli Stati Uniti, accanto a quel tipo di letteratura che ricalcava le orme del “sogno americano” – esaltando il mito della frontiera attraverso le pagine di scrittori come Withman, Melville o Cooper –, Poe si dedicava ad un nuovo tipo di esplorazione, diretta verso i territori oscuri della mente. Egli, da un lato, si accostava all’estetica gotica percorrendo in parte gli stessi sentieri della paura, ma, dall’altro, se ne allontanava per svelare quei meccanismi oscuri e spesso perversi che guidano le azioni dell’uomo o che imprimono un determinato significato al suo modo di vivere e intendere la realtà.

L’autrice

Giuseppina Brandonisio nasce a Bari nel 1972. Si laurea in Scienze della Comunicazione presso l’Univeristà di Roma Tor Vergata, ma coltiva un particolare interesse per la musica, l’arte e la cultura digitale. Frequenta corsi accademici di Musicologia e di Giornalismo Musicale (presso l’Accademia della Critica di Roma) e di Storia, Scienze e Tecniche della Musica presso l’Università di Tor Vergata. Collabora con alcune radio in qualità di critico musicale e redige articoli per alcune riviste culturali. Subito dopo aver conseguito il diploma Magistrale, all’età di vent’anni, si dedica al volontariato come insegnante, occupandosi di bambini e adolescenti socialmente svantaggiati. Attualmente, è di nuovo impegnata negli studi universitari e sta per conseguire la Laurea Magistrale in “Informazione, Editoria e Giornalismo”, presso l’ateneo di Roma Tre.

Caratteristiche del libro

  • Universitalia
  • 210 pagine
  • 2010

2 commentiOn La morte e la musicalità del verso di Giuseppina Brandonisio

  • Ottima scelta 🙂

  • Del resto questi temi scandalizzano anche oggi: oggi, quando si è scritto e letto di tutto. Oggi, epoca nella quale non abbiamo più il senso dello “scandalo” (etimologicamente e filosoficamente inteso). Il vero problema è saper distinguere la descrizione “estetica” del male dal trash che inonda la contemporaneità. Il che equivale a individuare uno spirito puro, un vero artista come Poe, su tutti gli altri.

Lascia un commento:

La tua email non sarà pubblicata.

Mobile Sliding Menu