Il libro della settimana – Marginalia

Marginalia di PoeCome ci dice lo stesso Poe, i Marginalia sono annotazioni a matita fatte sui libri, a margine, appunto, del testo.

Pensieri scritti di getto, liberazioni dello scrittore durante le sue letture: senza alcun fine, senza alcun significato, come egli stesso ci confessa.

In questo volume troviamo un Poe differente, non il narratore del macabro né tantomeno il poeta, né, ancora, il saggista conosciuto in Eureka. Nei Marginalia c’è il Poe uomo, come forse non lo abbiamo mai conosciuto, c’è il Poe spontaneo, lontano dalla costruzione letteraria. C’è un Poe che parla rivelandosi, che ci dona, ancora adesso dopo innumerevoli anni, una parte intima di sé.

Estratto dal libro

Val la pena segnalare un paio di marginalia, che esprimono il tono, a volte polemico anche, in cui sono stati scritti.

LXXXI
Non posso fare a meno di pensare che gli scrittori di romanzi, in genere, possano, di tanto in tanto, trarre profitto dagli insegnamenti dei cinesi che, malgrado costruiscano le loro case in pendenza, hanno sufficiente buon senso di iniziare i loro libri dalla fine.

XCVIII
Una zucca ha maggiori angolature di quelle di C. ed è nell’insieme una cosa molto più espressiva. Egli eccelle soltanto in una cosa- quella di non eccellere in nulla.

Contenuto del libro

  • Il cuore messo a nudo, presentazione di Maurizio Cucchi
  • Nota biografica
  • Spiegazione dei Marginalia di Poe
  • Marginalia, numerati dall’I al CCXXVI

Caratteristiche del libro

  • Editore: Il Melograno
  • Copertina: brossura
  • 212 pagine
  • Novembre 1981
  • Lingua: italiano

18 commentiOn Il libro della settimana – Marginalia

Lascia un commento:

La tua email non sarà pubblicata.

Mobile Sliding Menu