Edgar Allan Poe: la coscienza angosciosa di un eccezionale narratore

Segnalo un interessante articolo di Mariano Diotto.

Si potrebbe partire da questa citazione, estrapolata da una short story scritta nel 1841 per il Gift e il Graham’s Magazine, riviste statunitensi dell’epoca, al fine di illustrare alcuni aspetti salienti del grande talento lirico e letterario, rappresentato nella persona, nella fantasia e nella penna di un autore nordamericano non comune, entrato a far parte del patrimonio umanistico mondiale, essendo uno degli scrittori più ragguardevoli di tutti i tempi, che inaugurò uno stile, un metodo di scrittura e un impianto narrativo di grande fascino e di grande spessore artistico. Di lui si celebra il bicentenario. Edgar Allan Poe nacque a Boston il 19 gennaio 1809 e morì a Baltimora il 7 ottobre.

Continua a leggere l’articolo Edgar Allan Poe: la coscienza angosciosa di un eccezionale narratore.

Lascia un commento:

La tua email non sarà pubblicata.

Mobile Sliding Menu