Alone – Solo

Poesia di Edgar Allan Poe, traduzione e reinterpretazione di Enrico Brandoli, in rime alternate secondo lo schema della versione originale.

Non mi importa che la mia terrena sorte,
abbia, della Terra, poco avuto
e che anni d’amor si sian dissolti
nel delirio di un minuto.

Non mi importa che il meschino
rispetto a me felice e dolce stia
ma che tu ti immischi  al mio destino
per cui  son di passaggio, sulla via.

Non mi importa che le fonti della gioia
zampillino, ahimè, di lacrimare
che il tremor di un bacio
scosse tanti anni in tristo andare,

ne che i fior di venti primavere,
che appassiti son mentre crescevan,
giacian morti nel mio cuore
con il peso di stagion ricolme in nevi

e manco che l’erba, oh! Attecchir possa!
Sulla mia tomba stia crescendo o sia cresciuta.
Ma  che , star da solo io non possa,
mentre son vivo e morto, amata mia perduta.

Versione originale – Alone

O! I care not that my earthly lot
Hath — little of Earth in it —
That years of love have been forgot
In the fever of a minute —

I heed not that the desolate
Are happier, sweet, than I —
But that you meddle with my fate
Who am a passer-by.

I heed not that my founts of bliss
Be gushing, oh! with tears
That the tremor of one kiss
Hath palsied many years —

‘T is not that the flowers of twenty springs
Which have wither’d as they rose
Lie dead on my heart-strings
With the weight of an age of snows.

Nor that the grass — O! may it thrive!
On my grave is growing or grown —
But that, while I am dead and alive
I cannot be, love, alone.

4 commentiOn Alone – Solo

  • Ciao a tutti, se non sbaglio questa poesia non è “Alone” (from childhood…) ma “To M…”
    Scusatami dell appunto ma magari mi sbaglio io, però alone è indimenticabile e non sono questi versi.
    Grazie, Luigi

  • Ciao Luix,

    il titolo originale di questa poesia era proprio Alone, poi cambiato in To M. Puoi leggere la cronologia delle edizioni sul sito della Edgar Allan Poe Society.

  • nel riscrivere questa “Alone”, oltre al titolo, diventato appunto To___M, direi che Poe abbia leggermente cambiato la terza stanza

    ……
    It is not that my founts of bliss
    Are gushing — strange! with tears —
    Or that the thrill of a single kiss
    Hath palsied many years —
    ……..

    ed il verso finale dell’ultima stanza

    ……..
    I cannot be, lady, alone.

    e in effetti l’altra “Alone” (from chilhood….) ha degli spunti ritmici molto interessanti.

  • Ringraziamo ancora per questi spunti…e ottima resa(come al solito,del resto)! 🙂

Lascia un commento:

La tua email non sarà pubblicata.

Mobile Sliding Menu